Chiasso means noise

Festival di musica
elettronica e sperimentale
22–23.3
12–13.4
2024


A cura dell’associazione
Grande Velocità



La serata del 23 marzo è organizzata in collaborazione con RöstiBrücke, programma di scambio per artisti sonori tra regioni linguistiche in Svizzera.

L’incontro del 13 aprile tra Enrico Monacelli e Vasco Viviani è in collaborazione con ChiassoLetteraria.



Chiasso Means Noise è la frase che ripetiamo sempre agli artisti che arrivano dal resto della Svizzera o dall’estero per esibirsi a Spazio Lampo, ma soprattutto all’ex Bar Mascetti, storico bar in piazza della dogana nel quale l'associazione ha organizzato diversi eventi nel periodo in cui ci è stato permesso di gestirlo. La frase, detta ironicamente per sdrammatizzare l’effetto di strade e piazze deserte, porta con sé tutto ciò che promuoviamo, vale a dire uno spazio nel quale sia possibile organizzare proposte culturali al di fuori dal contesto istituzionale: un rumore che rompa la monotonia di un comune assopito e anziano, che ruggiva negli anni del boom economico di frontiera e che oggi fatica a riprendesi e trovare una rinascita.
Questo luogo, controverso e affascinante per mille motivi, è anche capace di sorprendenti con gesti di solidarietà impensabili altrove. Il festival ha il desiderio di scuotere Chiasso nella speranza di animarne varietà e ricchezza culturale e incuriosire chiunque sia portato all'ascolto di nuovi mondi.
Riallacciandosi alla carta della Gerra e all'enorme lavoro fatto dai colleghi dell'associazione IDRA che ha promosso l'edizione Straordinaria de La Tour Vagabonde a Lugano, CMN ritiene siano necessari spazi e fondi pubblici per la promozione, la diffusione e la creazione musicale indipendente.



Prezzi

1 serata 10.- CHF
2 serate consecutive 15.- CHF
4 serate (tutto il festival) 30.- CHF
2 incontri sabato pomeriggio gratuito
Studenti, AVS, persone in diso: metà prezzo


Luoghi

Sala Diego Chiesa Via Francesco Soave 1, 6830 Chiasso, Svizzera

Sala Carlo Basilico, Polus, Balerna
Polus SA, via Corti 5, CH 6828 Balerna, Svizzera

Sala Multiuso, Centro professionale Commerciale
via vela 7, Chiasso, Svizzera


Sponsor

Comune di Chiasso
Comune di Balerna
Repubblica e Cantone Ticino DECS – Fondo Swisslos
Pro Helvetia
Oertli-Stiftung
Landis & Gyr Stiftung
Fondation SUISA
AGE


Partner

RöstiBrücke
Fresh Festival
ChiassoLetteraria
Organizzazione Studenti Accademia (OSA)
Bar Centrale, Balerna

Media partner
Radio Gwendalyn



Programma



Mercoledì 7 febbraio


Mercoledì 7 febbraio
Ore 13:30
A Chiasso e in tutta la Svizzera
Prove generali

Come ogni primo mercoledì di febbraio, il  7 febbraio avviene in tutta Svizzera la prova annuale delle sirene. L’associazione Grande Velocità si appropria di questo evento e lo trasforma nelle prove generali della prima edizione del festival di musica elettronica e sperimentale ‘Chiasso means noise’.

Invitiamo quindi tutta la popolazione ad aprire le finestre e ad ascoltare quest’intervento artistico, che si pone come atto di fiducia e risonanza verso un maggiore riconoscimento, più fondi pubblici e 10, 100 e 1000 spazi per la creazione, la promozione e la diffusione della cultura e della musica indipendente. Le sirene di CMN suoneranno più forte, sarà un rumore che non potrete non ascoltare, il rumore della cultura che verrà.








Venerdì 8 marzo 


Venerdì 8 marzo
Ore 18:00
Spazio Morel, Lugano
Chiasso means noise
meets Fresh festival


Sessione d’ascolto in diretta su Radio Gwendayln
Con gli organizzatori dei due festival

La prima edizione del festival di musica elettronica e sperimentale ‘Chiasso means noise’ avrà luogo in due weekend, il 22 e 23 marzo a Chiasso e il 12 e 13 aprile a Balerna. La sessione di ascolto si pone come occasione per presentare e scoprire gli artisti invitati a CMN ascoltando attivamente alcuni brani degli stessi e come momento di discussione, incontro e amicizia tra gli organizzatori dei due festival.

instagram.com/freshlugano/
www.radiogwen.ch/








Venerdì 22 marzo


Venerdì 22 marzo
Ore 21:00
Sala Diego Chiesa
Chiasso
Sessione d’ascolto
Marco Monaci


Marco Monaci presenta, tramite una selezione di vinili, il suo negozio di dischi “Volume dischi e libri” di Milano. Uno spazio dedicato alla cultura indipendente, alla ricerca musicale, ai dischi, ai libri e alle persone che costituiscono il tessuto di produzioni più interessanti nella città e nelle reti internazionali.

Marco Monaci ascolta e suona da sempre tanta musica. Mosso dalla sua passione e da una fitta rete di conoscenze nell’ambito della musica indipendente e underground derivata anche dalla sua attività come chitarrista dei Fine Before You Came dal 1999, nel 2016 decide di aprire VOLUME, spazio a Milano dedicato alla musica e alla cultura indipendenti: seleziona dischi e libri di piccole etichette, organizza instore, showcase, incontri e workshop. Nel 2019 VOLUME si sposta in un nuovo spazio nel quartiere Isola a Milano. Dal 2022 collabora con lo Spazio Teatro 89 di Milano dove produce concerti (Meridian Brothers, Horse Lords, Orchestre Tout Puissant Marcel Duchamo, Eric Chenaux, Ben Lamar Gay e altri) e festival (DUE GIORNI festival a settembre 2023) e da qualche mese cura la rassegna VOLUME FUORI al Circolo Exalge.

volumevolume.it
zero.eu


Venerdì 22 marzo
Ore 22:00
Sala Diego Chiesa
Chiasso

Concerto
Tam Bor


Tam Bor è il risultato della passione di Giacomo per le esibizioni dal vivo di gruppi rock alternativi – il duo svizzero-canadese Peter Kernel ne è un esempio emblematico – e della sua ossessione per la musica elettronica. Le influenze musicali di Giacomo sono principalmente radicate nell'hip hop e in diversi progetti di musica elettronica, come N.E.R.D e Timbaland, oltre che nella nuova ondata di giovani producers di Soundcloud. Mentre l’ammirazione per questi artisti si riflette chiaramente nella sua musica, il suo stile alla batteria è fortemente influenzato dalla qualità grezza ed energica della scena indie rock; il risultato è un suono immediatamente riconoscibile che prende in prestito elementi da più generi musicali. Iniziando come batterista, Giacomo apporta ai suoi brani un elemento ritmico unico: la batteria non solo rappresenta la spina dorsale delle sue canzoni, ma ne informa anche la struttura sonora e le melodie.

Durante i concerti, la performance di Giacomo è al centro della scena: il suono della batteria si sovrappone a inputs elettronici, creando un'esperienza dinamica e coinvolgente. Questo approccio permette all’artista di colmare il divario tra la produzione di musica elettronica e la strumentazione dal vivo, mettendo ulteriormente in luce le sue capacità artistiche intradisciplinari.

tam-bor.com



Venerdì 22 marzo
Ore 23:00
Sala Diego Chiesa 
Chiasso
Concerto
Bruna


Francesca Bruna è una pianista e compositrice con una sviluppata passione per la musica elettronica. Il suo amore per la sintesi la porta alla nascita di BRUNA, un live senza computer con suoni techno, industriali e ambient. Il progetto non è riconducibile ad un genere particolare, ma attinge da diverse influenze musicali adattando il viaggio musicale al contesto di ogni performance. Bruna ha lavorato con artisti come Alessandro Sciaraffa, Dario Bruna, Marzio Zorio; Sabina Kaufman e tanti altri. Nel 2022 Francesca diventa resident Dj di Die Sekte a Milano. Attualmente Francesca è direttrice artistica di Radio Bunker, una nuova web radio creata con Sofia Signa al Bunker Club di Torino.

brunabruna.bandcamp.com


 




Sabato 23 marzo


Sabato 23 marzo
Ore 16:00
Centro professionale commerciale
Chiasso

Quale futuro per la musica indipendente?


Negli anni in Ticino sono diminuiti drasticamente i luoghi dedicati alla musica. Che si tratti delle sale prove, dove gli artisti possono creare e sperimentare, o dei locali veri e propri, che propongono concerti. Le rassegne e gli eventi sviluppati dalle città sono un bene prezioso ma col tempo sono anche diventate l’unica proposta possibile, tanto le iniziative private ed associative sono ostacolate da costi, orari restrittivi e rigide burocrazie. La musica contemporanea sembra dimenticata anche dalle grandi iniziative pubbliche che si creeranno a breve sul territorio, come la Città della Musica. C’è ancora spazio per diffondere, fruire e creare musica indipendente? C’è una soluzione per guardare al futuro e non solo al passato sonoro del Ticino?
Interverrano Hamilton Santià e Noah Sartori, modera Chiara Fanetti, giornalista culturale.

Hamilton Santià, è uno scrittore e musicista italiano. Scrive su diversi siti e riviste di cultura (come Esquire e Rolling Stone) ed è in uscita il suo libro “Sotto Traccia. Una storia indie contemporanea” (effequ 2024). Suona la chitarra nei The Wends, band indie rock con cui ha suonato al SXSW di Austin e all’International Pop Overthrow di Liverpool. È da sempre interessato al rapporto tra musica, comunità e spazio urbano. 

Noah Sartori è un promotore e agitatore culturale. Co-presidente associazione Idra, co-fondatore dello spazio culturale indipendente Spazio Morel, promotore de La Straordinaria - Tour Vagabonde e della Carta della Gerra. Musicista indipendente presso Leopardo e Dizzy Davis.

lastraordinaria.ch


 
 





Sabato 23 marzo
Ore 20:30
Sala Diego Chiesa
Chiasso

Concerto
Radiant Haze 


Radiant Haze sono Anton Ponomarev di Zurigo e Christian Müller di Bienne. I due musicisti si sono incontrati a Mosca nel 2019 e da allora hanno cominciato a collaborare. Entrambi arrivano dal mondo degli strumenti a fiato, ma in questo progetto suonano strumenti elettronici fondendo suoni analogico-elettronici con suoni digitali granulati. Il risultato è un insieme di sculture sonore finemente sintonizzate tra rumore e improvvisazione astratta, tra ambient e industriale, non filtrate e decise.

Anton Ponomarev è un artista di base a Zurigo e suona struenti a fiato e elettrionici.Organizza concerti a Zurigo e tiene una serie di concerti di musica sperimentale intitolata „Buy my snake oil“. Ha inoltre una propria etichetta musicale, la Skuckx Records. Lavora soprattutto (ma non solo) nel campo della musica sperimentale e dei generi musicali estremi: punk-jazz, free improvisation, jazz-core, noise, power electronics, drone, etc.
Christian Müller è un clarinettista e musicista elettronico con un grande amore per la musica noise e sperimentale, le collaborazioni transdisciplinari e l’essere on the road. Il suo progetto principale e a lungo termine è il duo elettronico Strøm, il duo Butterland con la scrittrice Regina Dürig e la rock band sperimentale Convulsif. Collabora in diverse costellazioni per concerti e incentrati su lavori multimediali come a. m. o. con Christian Kobi, Hans Koch, Tomas Korber, Bertrand Denzler, Jacques Demierre, Michael Thieke, Peter Conradin Zumthor, Jean-Philipp Gross, Jérôme Noettinger, Oren Ambarchi, Ilia Belorukov, dieb13, Cristián Alvear, Gabriela Areal e altri ancora.

bandcamp
www.ponomarev.bandcamp.com
www.christianmueller.me



Sabato 23 marzo
Ore 21:30
Sala Diego Chiesa
Chiasso

Concerto
Strotter Inst. & Flo Kauffmann


Musica sperimentale, strumenti autoprodotti e noise. Un’installazione con un grande tavolo, un giradischi e un mix di altri strumenti autocostruiti e ingegnosi attraverso i quali gli artisti danno vita a delle performance di ipnosi visiva e suoni graffianti.

Flo Kaufmann (*1973, Soletta) si definisce un "bricoleur universale" e dedica il suo lavoro artistico all'esplorazione sperimentale dell'elettronica, della musica e delle installazioni video. Utilizza un'ampia gamma di materiali quotidiani e oggetti trovati, astraendone la funzione originaria e trasformandoli in nuovi oggetti e strumenti.

Gli "Strotter", nel decennio precedente la Seconda Guerra Mondiale, pescavano nella canalizzazione il grasso di magazzino per venderlo alle aziende produttrici di sapone. Come loro stavano ai margini della società, oggi Strotter Inst. sta ai margini dell'arte e della musica, lavorando con oggetti buttati via da altri. I macchinari anacronistici hanno un duplice ruolo, come oggetti e come strumenti. Il primo impatto dal vivo è quello delle installazioni, poi i suoni iniziano a catturare l'attenzione degli ascoltatori. Il livello uditivo supera quello visivo. Pertanto, la comprensione ottica di come viene generato il suono gioca un ruolo importante. Utilizzando raramente suoni provenienti da LP - se lo sono, vengono tagliati o scalfiti - la principale fonte di suono sono i pick-up preparati (ad esempio, aghi da cucito o corde al posto del diamante o l'uso prolungato di elastici). Il trattamento coinvolge la natura impura dei suoni come parte della musica. Oltre al lavoro di musicista, Strotter Inst. crea oggetti sonori e installazioni a partire da giradischi. L'abbreviazione "Inst." può significare sia: "strumento" o "installazione".

www.strotter.org
bandcamp.com
www.floka.com

Sabato 23 marzo
Ore 22:30
Sala Diego Chiesa
Chiasso

Concerto
Martina Berther


Martina Berther, classe 1984 con base a Zurigo, è una bassista a compositrice Svizzera. Lo spettro sonoro varia dal pop alla musica sperimentale. Suona in tour a livello internazionale sia con il suo progetto solista sia con le sue band Ester Poly e AUL e la cantante Sophie Hunger. Martina scrive anche musica per film, teatro e installazioni e lavora come curatrice. Il progetto solista di Martina è una potentissima abbuffata di suoni, libere improvvisazioni di basso elettrico, con l’utilizzo dell’archetto, pizzicato e alimentato attraverso catene di strani oggetti e macchine. Martina Berther evoca delicate melodie e densi paesaggi sonori utilizzando il basso come unica sorgente di suoni.

Performance polimorfiche per sperimentare nuove sonorità e nuovi spazi. Come in un cabaret, il pubblico assiste ad una serie di proposte, fondendo generi e sensibilità, con la poesia sonora come unico filo conduttore.

www.martinaberther.ch

Sabato 23 marzo
Ore 23:30
Sala Diego Chiesa
Chiasso
Dj set
Pipezj

Dagli abissi a nettuno, un inafferrabile viaggio tra sonorità spaziali dal sapore retrofuturistico. Eco distante del crudo clubbing Detroit anni 90 che risuona ancora nelle capitali europee. Biglietto di sola andata! Per gli amanti della Roland TR-808 e synth analogici, un ascolto domestico ma non troppo.

soundcloud.com






Venerdì 12 aprile


Venerdì 12 aprile
Ore 21:00
Sala Carlo Basilico, Polus
Balerna
Sessione d’ascolto
Alessandro Facchini



Alessandro Facchini produce sotto lo pseudonimo di _kelo e Kelovolt. Le sue installazioni e performances sonore hanno avuto luogo tra gli altri al Volkspaleis di Den Haag, al Museo D’Arte Moderna di Varsavia e al Centro di Arte Contemporanea di Torun. Autore di numerosi progetti che spaziano dalla realtà locale alla scena internazionale, tra i quali la celebre serie di eventi musicali polacca “Brutaz”, la collaborazione “Invisible City” con il produttore e artista Michal Libera, o ancora il suo lavoro “Degrading Learning” pubblicato dall’etichetta ticinese Pulver und Asche Records, è attualmente impegnato come ricercatore all’Istituto Dalle Molle di Ricerca sull’Intelligenza Artificiale (IDSIA USI-SUPSI).

La sessione d’ascolto offerta consisterà in un collage sonoro, fatto ad hoc per l’occasione, e basato su un “dialogo a distanza” con Michal Libera attraverso lo scambio di field-recordings, rumori, suoni propri e altrui.

bandcamp.com
pulverundasche
dreiklangrecords


Venerdì 12 aprile
Ore 22:00
Sala Carlo Basilico, Polus
Balerna
Concerto
Aya Metwalli



Aya Metwalli (*1988) è una vocalist, cantautrice, compositrice-performer e improvvisatrice egiziana, particolarmente abile nel canto microtonale arabo maqam. Descritta come "un enigma musicale" dal Guardian e come una musicista che ha "creato un'accattivante marca di anti-pop" da Pitchfork, Aya attualmente utilizza sintetizzatori analogici per produrre texture grintose e strani, inquietanti paesaggi sonori che annunciano l'arrivo di un tristo mietitore che non arriva mai. Canta come una donna in un lamento di morte, fortemente influenzata dalla canzone araba tradizionale, combinando l'afrore con il macabro e sposando il rumore con la melodia. Attualmente, Aya è in conversazione con i suoi demoni e continua a sperimentare con le performance dal vivo e l'improvvisazione.

Durante il suo live produrrà una dosa massiccia di noise unita a strane creature che si annunciano attraverso la sua cavità orale. A volte si sente posseduta e non sa se si tratta di un autoesorcismo o di un esorcismo di sé stessa, a voi giudicare.

ayametwalli.com


Venerdì 12 aprile
Ore 23:00
Sala Carlo Basilico, Polus
Balerna
Dj set
Donna Leake


Una delle selezionatrici più amate di Londra e conduttrice di un programma mensile su NTS, la sua vasta collezione di dischi e il suo spirito di ricerca l'hanno resa un habitué di molti dei più grandi e migliori palcoscenici di tutto il mondo - con il solo 2023 che l'ha portata ovunque, da locali londinesi come Printworks e KOKO, ad alcuni dei festival più rispettati del circuito - dal portoghese Waking Life e dal paradiso bulgaro Meadows in the Mountains, a Houghton, Lost Village e il Worldwide Festival di Giles Peterson.

Donna è una maestra nel tessere una narrazione attraverso la musica: ama ballare, ma più di ogni altra cosa, vede la musica come un'insegnante. Nel corso del tempo, il viaggio di condivisione della sua collezione di dischi con le persone è diventato per Donna un'insegnante, una gioia e una benedizione tanto quanto i musicisti stessi e la musica che hanno creato.

www.nts.live


 




Sabato 13 aprile


Sabato 13 aprile
Ore 16:00
Centro professionale commerciale,
Chiasso
Presentazione del libro
The Great Psychic Outdoors

In collaborazione con
ChiassoLetteraria


Enrico Monacelli, in conversazione con Vasco Viviani, presenta The Great Psychic Outdoors, una personale avventura nella musica attraverso la sua bassa fedeltà condita da qualche ascolto.

Enrico Monacelli scrive. Ha collaborato con il tascabile, the Quietus e altrove. Ha pubblicato con Repeater un libro sulla musica lo-fi, The Great Psychic Outdoors, di prossima pubblicazione in italiano per Not Nero editions.

Vasco Viviani legge, ascolta e scrive, collaborando con La Regione, the New Noise, Sodapop ed Human vs. Robots. Ha difficoltà a vivere senza suoni, siano essi musica o rumore. Ogni attimo di silenzio è un concerto di David Tudor.

repeaterbooks.com
chaosmotics.com
neuguitars.com

Sabato 13 aprile
Ore 21:00
Sala Carlo Basilico, Polus
Balerna

Concerto
Tizia Zimmermann
& Pablo Lienhard


Zimmermann / Lienhard è un duo caratterizzato dall'insolita combinazione di fisarmonica e mixer no-input. Dentro un calderone formato da suoni profondi e meccanici, toni stazionari, melodia raffinata e passaggi virtuosi, la fisarmonica e il mixer sono più simili di quanto sembri. Nonostante la produzione melodica dei loro strumenti sia così diversa, Tizia Zimmermann e Pablo Lienhard cercano di dissolvere i confini dei suoni realizzati acusticamente ed elettronicamente e si avvicinano l'uno all'altro in modo improvvisato. A volte si fondono in una cosa sola, altre volte lasciano che i mondi si scontrino.

Dal 2018 si esibiscono insieme in diversi contesti. Nel 2021 pubblicano il loro primo album, "Kaputt", con l'etichetta svizzera Wide Ear Records, portandolo in tour in Svizzera e Germania e suonando, tra l'altro, al Météo Mulhouse Festival. Le performance del duo possono essere classificate stilisticamente tra ambient, noise, drone e new music.

Video 1
Video
2

Sabato 13 aprile
Ore 22:00
Sala Carlo Basilico, Polus
Balerna

Concerto
Lenhart Tapes
(featuring Zoja Borovčanin)


Vladimir Lenhart, in arte Lenhart Tapes, è un manipolatore di cassette, e si è fatto conoscere soprattutto per le sue performance live, sorprendenti e indimenticabili. Sì, i walkman sono i suoi strumenti musicali e dal vivo mixa materiale selezionato dalla sua collezione di nastri con loop ritmici originali. Come dicono gli esperti di musica, quello che Lenhart Tapes crea è un sofisticato e selvaggio “world-noise-ethno-industrial-folk-zombie”.

Appassionato collezionista di audiocassette da moltissimo tempo, il suo universo spazia da registrazioni sul campo a rara musica folk, spoken word e materiale di propaganda sonora, fino ad album di vari generi musicali: se ne nomini uno, probabilmente ce l'ha. Prima di avventurarsi in progetti da solista, ha suonato in gruppi musicali underground in Serbia. Poi, nell'ottobre 2010, nasce Lenhart Tapes. A novembre ha pubblicato il suo secondo album “Dens” per la Glitterbeat Records: le recensioni sono ottime ma lo sono ancora di più dal vivo, quando Vladimir è accompagnato da una delle cantanti (Svetlana Spajić, Tijana Stanković o Zoja Borovčanin) con cui ha registrato l'album.

www.lenhartapes.com



Sabato 13 aprile
Ore 23:00
Sala Carlo Basilico, Polus
Balerna
Concerto
Maple Juice



Maple Juice è un produttore e sound designer attivo a Milano. La sua formazione proviene dal mondo audiovisivo e dal teatro, per cui negli anni ha prodotto diversi progetti sonori. La sua ricerca artistica indaga le possibili sinergie creative tra sonorità organiche e manipolazioni artificiali. Questa volontà si traduce con un massiccio utilizzo di campionamenti acustici e vocali che subiscono, in post produzione come dal vivo, contaminazioni numeriche e metamorfosi digitali.

Il live set prende forma di un’esplorazione dinamica che attraversa molteplici mondi sonori: originato da un eco puramente poliritmico e tribale, esso si evolve strutturandosi verso sonorità acid e industrial, trasportando il pubblico lungo un viaggio a tratti individuale ed introspettivo, a tratti archetipico e psichedelico nei suoi picchi di massima tensione.

linktr.ee/maplejuice